Papà Di Maio si scusa “Mio figlio non ha colpa”

È apparso su Facebook, sulla sua pagina personale, il video di scuse di Antonio Di Maio. 

Dopo la vicenda portata alla luce dalle Iene, il padre del VicePremier ha ritenuto opportuno scusarsi, con commozione, per la sua condotta da imprenditore non esemplare.

Salve a tutti,
Questa volta Facebook lo uso io. Sono semplicemente un piccolo imprenditore che ha commesso degli errori. Chiedo scusa per gli errori che ho commesso, chiedo scusa alla mia famiglia per i dispiaceri che hanno provato, e chiedo scusa anche agli operai che hanno lavorato senza contratto per la mia azienda anni fa. Mi dispiace per mio figlio Luigi che stanno cercando di attaccare ma, come ho già detto, lui non ha la minima colpa e non era a conoscenza di nulla.” 
Essere un piccolo imprenditore non è facile, soprattutto quando le commesse non vengono pagate. Quando c’è crisi e a volte si ha paura di non poter andare avanti. Ho sbagliato a prendere lavoratori in nero, per carità, ma l’ho fatto perché in quel momento non trovavo altre soluzioni a una situazione difficile. Io ho certamente commesso degli errori, delle leggerezze di cui mi prendo tutta la responsabilità. E, come ho già detto, sono pronto a rispondere dei miei errori ma dovete lasciar stare la mia famiglia”.

Dopo aver chiarito più volte che Luigi era totalmente estraneo ai fatti, ammette che “nel 2006 ho deciso di chiudere la mia azienda per debiti tributari e previdenziali che non ero in grado di pagare. Questi avevano bloccato l’attività di impresa per cui non vi era altra strada che chiuderlaSuccessivamente mia moglie ha avviato una nuova attività di impresa che ha pagato regolarmente le tasse. Quindi non c’è stato nessun intento elusivo.

Come ha reagito Di Maio figlio a tutto questo? “Oggi mio padre si è preso le sue responsabilità e ci ha messo la faccia. Io metto in liquidazione l’azienda, adesso però possiamo anche finirla qui. Adesso è il momento di mettersi al lavoro”.

Il caso è chiuso?

Lascia un commento